Incontri ravvicinati

Bianca

incontri ravvicinati

Ciao Stella,

Qui Milano.

Devi scusare la latitanza di questi giorni ma sono stata troppo impegnata coi miei incontri ravvicinati di condominio.

Si perché mi sono scoperta socievole come non mai, l’aria meneghina deve farmi bene, e continuo nell’esplorazione antropologica del mio variegato palazzo.

L’altra sera ad esempio ho conosciuto Adele, la timida signora del 5° piano, occhi grandi dietro spesse lenti e animo fragile come le centinaia di animaletti di vetro di Murano che ospita su ogni mensola della sua casa.

Giorni fa, affacciata alla finestra l’ho notata: era tutta intenta a canticchiare alle piantine amorevolmente disposte sul balcone. Subito sono andata a suonare al suo portone chiedendole di svelarmi i segreti del suo pollice verde.

Mi ha accolto uno sguardo obliquo dietro gli occhialoni calati sul naso.

Poi però la sua iniziale diffidenza si è sciolta davanti ai biscottini soffici al limone che le avevo portato per rompere indugi e suggellare nuove amicizie.

Dici che fa troppo vecchia zia di campagna? Ma non era così che si faceva da bambine? Mi dai la tua amicizia? Io, in cambio ti porto dei dolcetti.

Beh per farla più dotta in “Le armi della persuasione” Robert Cialdini spiegava che è il principio della reciprocità, no? In pratica quando diamo qualcosa a qualcuno e quello si sente in dovere di restituirci il favore. Più o meno.

Comunque per fartela breve non immagini che orticello si è fatta la professoressa Adele sul suo balcone. Si perché lei insegna Sociologia all’Università.

Originaria di Trapani coltiva nel suo balcone pomodorini pachino e la segreta speranza che le capiti qualcosa che le cambi radicalmente la vita, dopo che il marito l’ha abbandonata per una sua studentessa universitaria

Brutte storie di vite congelate, Stella. In poche ore mi ha sciorinato tutti i dettagli della sua vita, ma proprio tutti. Si vede che è rimasta proprio sola per lasciarsi a tali confidenze con una sconosciuta. Sconosciuta con biscotti però!

Queste perlustrazioni e questi incontri ravvicinati mi stanno proprio incuriosendo, non immaginavo esistessero così tante vicende dietro ignari portoni.

E non ti ho ancora parlato di Dario, il tenebroso scrittore del terzo piano.

Stella credimi. E’ proprio roba per te. Devi venirmi a trovare presto!

Scappo, ho in forno altri biscotti al limone della persuasione: morbidi e con un cuore “scioglievolissimo”, vorrei proprio vedere chi riesce a resistere!

Ti abbraccio forte

la tua esplora-vicini Bianca

ps: ma della festa delle nostre mamme ne vogliamo parlare? quelle 2 non finiranno mai di stupirmi. Sai che hanno affittato una discoteca,-hai-letto-bene-una discoteca-a Roma, per festeggiare il loro compleanno di prossima settimana? Tu ci vai? Roba da pazzi!

Lascia un commento

Name*
Email*
Url
Your message*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>